La tua vita ti ha messo davanti a un enorme cambiamento e dovrai usare le stampelle ortopediche e sopportare quel fastidioso dolore alle spalle per tutta la vita?

Ti sei infortunato e devi camminare con le stampelle, rovinandoti le mani con fiacche e vesciche?

Sei nato con le stampelle e convivi con lo sguardo di compassione dei passanti? Se hai risposto “si” a una di queste domande allora sei nel posto giusto.

Vogliamo affrontare con te i problemi causati dall’uso di ausili per la mobilità e trovare una soluzione che torni utile ai tanti clienti esasperati che incontro ogni giorno.

Il danno fisico e psicologico che la stampella causa, è un tema poco sentito in ambito scientifico, e viene troppo spesso sottovalutato, mentre è la causa principale di molti malesseri, che condizionano negativamente la nostra vita.

Chi non ha mai usato una stampella non può capirne le difficoltà, ma tu puoi fare la differenza, e vedere la tua vita migliorare notevolmente, grazie ad alcuni accorgimenti.

La prima cosa da fare è segnalare con insistenza il disagio che le stampelle ti causano (più sotto spiegheremo il legame fra i diversi modelli e rischi connessi), affinché ci sia un serio impegno professionale da parte del tuo medico, fisioterapista, fisiatra o ortopedico a cercare il modello più adatto a te. Hai letto bene: cercare! A dispetto della credenza popolare, esiste una vasta opportunità di scelta nel mondo delle stampelle. Questo è un elemento importante perché non è raro che, dopo aver subito un infortunio agli arti inferiori, si debba curare una lesione al bicipite del braccio, causata dall’uso della stampella.

Una volta sensibilizzati i professionisti ai quali ti sei rivolto, la seconda cosa da fare è cercare nel web e nei vari punti vendita, il prodotto che meglio si adatta alle tue esigenze. Spesso i clienti vengono a conoscenza dell’esistenza di un nuovo modello di stampelle prima del professionista, il quale si limita a prescrivere i prodotti da banco. La guida che segue vuole essere un valido aiuto alla soluzione dei problemi che le stampelle ti stanno causando. Allora iniziamo!

INIDICE

  • stampelle ascellari
  • stampelle con appoggio antibrachiale
  • stampelle canadesi
  • stampelle a forma di fulmine o di zeta

Stampelle ascellari

stampelle ascellari

Premetto che i problemi che le stampelle causano e che tu conosci molto bene, sono principalmente quattro:

  • vesciche e fiacche alle mani;
  • dolori ai polsi;
  • dolori all’avambraccio;
  • dolori a spalle e schiena.

E poi c’è un gravissimo problema causato da un modello di stampella molto in uso negli Stati Uniti, ed è l’ingrossamento dei linfonodi ascellari, causato dalle stampelle ascellari.

Esistono i modelli da banco (25 euro la coppia) o versioni più moderne come il Walkers (126 euro la coppia). Iniziamo con lo specificare che questo modello è adatto solo se si devono evitare compressioni del braccio e della mano, ed è adatto solo nel caso in cui serva un leggero sostegno alla camminata, in quanto, se usate appoggiando tutto il peso del corpo sul supporto, le stampelle ascellari provocano un pericoloso schiacciamento della conca ascellare. L’ascella è la sede di transito di numerosi vasi sanguigni e linfatici, nonché di importanti nervi e ospita linfonodi e ghiandole. Si tratta quindi di una zona delicata del corpo che a fronte di un maltrattamento, con una pressione continua, manifesta subito un ingrossamento dei linfonodi che può degenerare in patologie più gravi.

Mi sento di sconsigliare a chiunque l’uso delle stampelle ascellari.

Stampella antibrachiale con appoggio mobile

stampella yano

Come fare quindi se si soffre di reumatismi o artrite e si deve evitare una forte compressione alla mano? Ecco che entra in campo la stampella con appoggio antibrachiale, nota anche con il nome di Stampella Yano (ausilium, 228 euro la coppia), o stampella Kmina (Amazon, 160 euro la coppia) decisamente adatta a prevenire i dolori alla mano e al polso.

Tutto il peso del corpo grava però sul gomito e su bicipide del braccio, e i dolori alla spalla non tardano ad arrivare. Considerato poi che questo modello è adatto a una camminata moderata, lo consiglio per la deambulazione degli anziani, per ottenere quel senso di sicurezza in più che rende autonomi.

E’ un modello da usare con moderazione per non sollecitare troppo le articolazioni della spalla ed è da considerarsi come una alternativa al bastone, sempre che l’estetica di questa stampella con appoggio antibrachiale incontri i vostri gusti. Ma questo è soggettivo.

Stampelle canadesi

stampelle canadesi

Cosa fare quindi se si vuole condurre una vita normale, camminare, fare sport ma si necessita di un valido sostegno?

La regina indiscussa delle stampelle è sicuramente la stampella canadese. Presente in tutte le farmacie e ortopedie nel suo modello base in plastica rigida (16 euro al pezzo su amazon o nella farmacia sotto casa), e disponibile in diverse fantasie e colori.

Ogni ditta ha portato le sue innovazioni intorno a questo prodotto rendendolo più grazioso e leggero come nel caso del modello Indesmet (480 euro la coppia, acquistabile online) in carbonio. Pur essendo stata una buona innovazione rispetto al modello ascellare, questa stampella canadese causa moltissimi problemi noti.

Innanzitutto dolore alle mani. Come risolverlo? Sono state pensate le prese ergonomiche per agevolare un’impugnatura senza punti di contatto invasivi. Risultano di buona fattura le manopole del modello canadese Sidestix (810 euro la coppia, acquistabile online, acquistabile online) che sono piacevoli all’uso. Un grosso limite della presa ergonomica è non avere la possibilità di tenere la mano libera da una posizione fissa.

La mano è costretta ad immobilizzarsi nella conca ergonomica, sollecitando i tendini e causandola la tendinite. Un pò scomodo dover sempre stare attenti ad impugnare la desta e la sinistra, ma sarebbe un compromesso accettabile, se non fosse che già dai primi passi la stampella canadese costringe a una postura incassata e quindi a una scorretta sollecitazione di spalle e schiena.

Non essendoci alternativa alla posizione di massimo carico, con il peso in avanti, per superare la stampella canadese, il corpo deve inevitabilmente adattarsi alla nuova andatura gobba e nel giro di poco tempo subentrano dolori diffusi che spesso costringono ad interromperne l’uso per un periodo. Le stampelle canadesi rimangono comunque l’ausilio più utilizzato in quanto consentono di praticare sport, di condurre una vita normale e sono di più facile reperimento.

Assolutamente sconsigliate a chi non vuole saperne di doversi accontentare.

Stampelle a forma di fulmine o di zeta

stampelle stampella fulmine zeta

Come evitare linfonodi ingrossati, spalle dolenti, vesciche e mal di schiena? C’è un altro modello di stampella sul mercato, ancora poco conosciuto, che viene spesso indicato come modello a forma di saetta o di zeta. E’ il modello Tompoma (240 euro al pezzo, acquistabile online) che sta riscuotendo notevole successo nel mondo dello sport. Sofia Goggia dichiara ‘non pensavo esistesse una stampella professionale, invece esiste e scarica meglio la schiena, quindi si deambula meglio, incredibile!’.

Questa stampella ha una forma tale per cui non è necessario fare sforzi per superare la stampella nella fase del passo; bensì è sufficiente spostare il peso avanti senza sollevare le spalle e senza caricare la schiena. Il passo cosi agevolato diventa più naturale, lungo e veloce, rendendo la stampella tompoma adatta a fare sport e camminare con meno fatica. L’uso di questo modello di stampella consente di migliorare la postura e di dare un senso di sollievo a chi le utilizza dopo aver provato le comuni stampelle canadesi.

La forma innovativa delle stampelle tompoma inoltre consente di appoggiare sul terreno con un angolo di 90 gradi, nel momento di maggiore carico del peso, diminuendo in modo significativo il rischio di scivolamento. Per l’impugnatura vengono usati materiali anallergici, morbidi e traspiranti, usati anche per le biciclette e le racchette da tennis, che non necessitano di forme ergonomiche e prevengono la formazione di calli e vesciche.

La mano è libera di trovare il suo appoggio e di modificarlo all’occorrenza, per esercitare tutta la mano. E’ l’unica stampella sul mercato qualificatasi per il ‘compasso d’oro’ prestigioso premio nel mondo del design. Con Tompoma gli sguardi di compassione dei passanti, lasciano il posto a sguardi curiosi e piacevolmente sorpresi. 🙂 Mi sento di dire che Tompoma non è una stampella ma un’alternativa a tutti i modelli di stampelle canadesi sul mercato, in quanto modifica il modo di camminare, rendendolo sicuro e dando sollievo a braccia, mani e schiena.

A te scoprire nuovi modelli e scegliere il tuo!

Un cliente ci scrive dopo aver provato le Tompoma:

Innanzitutto complimenti per l’idea alla base dei Tompoma, tanto semplice quanto geniale, e per la capacità di tradurla in realtà. Avevo notato i Tompoma già qualche anno fa, e li avevo anche provati, ricevendone un’impressione positiva.

Allora, purtroppo, era disponibile solo la versione in titanio, troppo costosa per me.

Così ho apprezzato molto l’arrivo della serie più economica, e mi sono deciso all’acquisto. Ho ricevuto i bastoni in appena tre giorni dall’ordine. Appena aperta la scatola ho avuto una piccola delusione. Le manopole (intendo l’intero pezzo a forma di zeta) è più o meno alluminio nudo, mentre in foto si presentano con un ben più piacevole colore brunito. Le stesse manopole presentano qualche leggera, ma piccola, abrasione in corrispondenza del logo, e piccole parti annerite in corrispondenza delle saldature. La finitura delle aste è decisamente migliore.

Veniamo al sodo…Sulle prime i Tompoma lasciano un po’ disorientati chi, come me, utilizza da una vita i bastoni canadesi convenzionali. Ma basta veramente poco per abituarsi ai nuovi strumenti, ed i vantaggi appaiono subito evidenti. L’angolo d’incidenza dell’asta rispetto al pavimento è prossimo ai 90 gradi, e con ciò il rischio di scivolare è notevolmente ridotto (ho subito pensato che forse con i Tompoma avrei evitato l’infortunio in piscina che mi è costato la frattura del bacino). Tale vantaggio non riguarda solo la deambulazione; infatti anche il movimento dell’alzarsi da una sedia, letto o divano risulta più sicuro e meno faticoso.

Chi mi ha visto camminare ha subito notato che il passo è un po’ più rapido

Apprezzo molto la regolazione micrometrica e la silenziosità. Deambulando con i Tompoma percepisco una sensazione di sicurezza, cosa che non posso dire di alcuno dei bastoni canadesi in lega leggera che ho provato. Il pezzo a calotta cilindrica di contenimento per l’avambraccio mi va giusto a misura; indossando un giaccone pesante potrebbe risultare un po’ stretto.

Poichè sostituire tale pezzo è molto facile (basta svitare due brugole), potreste offrire tale pezzo (come opzione o accessorio) in varie misure per adattarsi al meglio ad avambracci sottili, normali o robusti come il mio.

L’angolo tra l’asta avambraccio e l’asticella di presa della mano, costringe ad una leggera deviazione radiale. Se tale angolo fosse appena maggiore il polso assumerebbe una posizione più naturale. Ciò vale, naturalmente, per la mia conformazione anatomica.

In definitiva, nonostante il prezzo “importante”, sono soddisfatto dell’acquisto. E provo anche un po’ di entusiasmo per l’innovazione…

Nei prossimi giorni verificherò con l’uso se i Tompoma ridurranno la fatica dovuta al mio peso corporeo ed i dolori alle spalle che mi affliggono. E sono anche curioso di metterli alla prova su strade bagnate visto che ho apprezzato anche il generoso puntale in gomma.

Ve ne riferirò prossimamente.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi